Gli effetti della pornografia: una testimonianza di speranza per le coppie sposate

di Sam e Beth Meier

Una coppia racconta le conseguenze dell’uso e dipendenza da pornografia nei primi anni del loro matrimonio, di come anche le donne possano diventarne dipendenti. Il percorso di recupero e guarigione li ha portati a dedicare la vita al sostegno di altre coppie in recupero. L’articolo affronta anche il danno per il coniuge che si sente spesso tradito e come si trovi ad essere co-dipendente, spiegando come i gruppi di auto-aiuto possano essere valido sostegno anche per il coniuge di un dipendente in recupero.

La testimonianza di Samuele, una settimana prima del matrimonio

“Una settimana prima del nostro matrimonio, sono entrato in un negozio dicendomi che sarebbe stata l’ultima volta. Facevo uso della pornografia dalle scuole medie, ma ho pensato che non ne avrei avuto più ‘bisogno’ dopo il matrimonio. Dopo tutto la mia sposa Elisabetta era stupenda, intelligente, atletica, viveva una fede autentica ed era la mia migliore amica.

Purtroppo, i primi anni del nostro matrimonio sono stati colmi di angoscia, di solitudine e distruzione della fiducia a causa del mio uso della pornografia. Ci siamo dati una mossa chiedendo aiuto a vari consulenti e sacerdoti, però nei primi anni duemila pochi sapevano come aiutarci. Ma grazie a Dio abbiamo poi trovato uno dei migliori centri di terapia degli Stati Uniti per le persone alle prese con l’uso della pornografia. Abbiamo vissuto diversi anni di consulenza matrimoniale, partecipato a molti gruppi di sostegno e ricostruito la fiducia e l’intimità del nostro matrimonio. Per la prima volta nella mia vita ho trovato la speranza, la guarigione e la sobrietà, e il nostro matrimonio ha cominciato a guarire.

Ora sono un consulente matrimoniale che specializzato nel trattamento della dipendenza da pornografia. Ho incontrato tanti cattolici, sia individui sia coppie, che si sono liberati dalla pornografia. In questo articolo Elisabetta e io condivideremo le idee pratiche e le risorse che hanno contribuito a guarire noi e altre coppie dall’uso della pornografia. Coppie che oggi hanno matrimoni floridi”.

Molte persone per bene lottano

Una delle più grandi bugie di Satana è far credere alle coppie cattoliche che sono sole nella loro lotta contro la pornografia. Un’indagine sull’uso della pornografia negli Stati Uniti ha indicato che il 37% degli uomini cristiani e il 7% delle donne cristiane utilizzano pornografia più volte alla settimana e il 64% e il 15% una volta al mese o un po’ di più. Anche noi abbiamo incontrato tante persone per bene, uomini, donne, insegnanti, sacerdoti, educatori che lottano con l’uso della pornografia.

Neurologia e pornografia

È importante che tutti sappiano che la pornografia danneggia il cervello, sia usata sporadicamente sia utilizzata ripetutamente durante la settimana. Come i vescovi statunitensi affermano in “Crea in me un cuore puro”: “Visionare pornografia, di solito in abbinamento alla masturbazione, influisce direttamente sui circuiti di ricompensa del cervello, ed è stato notato come abbia un effetto su di esso simile a quello che ha la cocaina sul cervello di una persona con una dipendenza da droga o l’alcool su quello di una persona alcolizzata“. (p. 15). La pornografia non è mai innocua.

La pornografia diminuisce la soddisfazione sessuale e aumenta l’infedeltà

Un mito comune riguardo la pornografia è che esalti l’intimità coniugale. Questo non è vero. Al contrario, la ricerca indica che l’esposizione alla pornografia diminuisce la soddisfazione sessuale sia per gli uomini sia per le donne. Numerosi medici hanno riferito che la pornografia aumenta i tassi di disfunzione erettile, anche fra i giovani tra i 20 e i 30 anni. Secondo la ricerca è più probabile che gli uomini sposati che usano la pornografia abbiano dei rapporti extraconiugali, che siano meno attratti dalle mogli e che siano meno interessati alla intimità sessuale con loro. Lo studio indica anche che le donne che usano la pornografia hanno una visione negativa riguardo al proprio corpo e hanno meno rapporti sessuali nel loro matrimonio.

L’uso o la creazione di pornografia all’interno del matrimonio è sempre un errore e non può mai essere giustificato. (Crea in me un cuore puro).

Nel suo lavoro di consulenza, Samuele ha incontrato coppie che hanno guardato pornografia insieme in un certo periodo del loro matrimonio. Ma dopo un po’ le mogli si sentivano utilizzate e sfruttate. Scoprire il forte legame tra il settore della pornografia, il traffico di esseri umani e la violenza contro donne è stato un importante punto di svolta per queste coppie nel loro percorso di guarigione, perché ha loro mostrato la vasta portata dell’impatto della pornografia sulla società.

Gli altri impatti della pornografia sul Matrimonio

La pornografia ha un impatto negativo sul matrimonio dal punto di vista degli effetti finanziari, della perdita della fiducia, dell’aumento dei rischi di separazione e divorzio. Abbiamo conosciuto diverse coppie che hanno dovuto affrontare la perdita del posto di lavoro a causa di un coniuge che si collegava a siti porno dal lavoro. Purtroppo abbiamo incontrato molte coppie che non hanno protetto i figli dalla pornografia, a volte proprio a causa delle lotte o dell’inganno che essa introduceva nel loro matrimonio. La pornografia fa perdere la fiducia e aumenta il rischio di separazione e di divorzio. Durante una conferenza nazionale di avvocati matrimonialisti, gli avvocati hanno spiegato che la pornografia su Internet ha giocato un ruolo significativo in oltre la metà dei divorzi che avevano trattato durante l’anno precedente.

Tradimento e sostegno del coniuge

Essere sposati con qualcuno che lotta con la pornografia vuol dire soffrire spiritualmente, emotivamente, fisicamente e psicologicamente. É importante che il coniuge comprenda che non è lei (o lui) il motivo per cui il marito (o la moglie) utilizza pornografia e, contrariamente a quello che si può pensare, è impossibile per un coniuge competere con la fantasia pornografica. I coniugi possono soffrire di sintomi di disturbo da stress post-traumatico quando scoprono la dipendenza da pornografia del coniuge e possono sentire un tremendo senso di tradimento. Quando il comportamento del porno-dipendente sconvolge gravemente la vita della famiglia, l’altro coniuge spesso è quello che, in primo luogo, si prende la cura dei bambini, delle finanze, della manutenzione della casa e trasmette il messaggio ai famigliari e amici che le cose sono a posto.

Ma c’è una speranza! Liberarsi dalla pornografia può essere difficile e richiede tempo, ma è possibile. Il Signore vuole guarire i matrimoni che sono stati danneggiati da uno dei coniugi o dall’uso di materiale pornografico da parte di entrambi i coniugi.

Fissare dei limiti

Impostare limiti precisi può aiutare le persone a evitare l’uso della pornografia. I vari limiti comprendono: evitare dispositivi internet non monitorati, ricerche di immagini, pubblicità di lingerie, utlizzo di smartphone e leggere riviste in bagno, recarsi in camere d’albergo da solo, andare a letto dopo il coniuge, mentire o nascondere informazioni al coniuge. Molte coppie hanno trovato utile l’impiego di software di filtraggio e responsabilizzazione su smartphone, tablet, computer, ecc. I software di filtraggio bloccano la maggior parte della pornografia su Internet e il software di responsabilizzazione è in grado di inviare a persone di fiducia e-mail settimanali con l’elenco dei siti Internet visitati.

Responsabilizzazione

La responsabilizzazione è uno dei fattori più importanti per far sì che le persone compiano progressi significativi nel liberarsi dalla pornografia. Per gli uomini essere responsabili verso altri uomini di fiducia è spesso un favore che fanno a loro stessi, dal momento che la maggior parte degli uomini cattolici hanno bisogno di incoraggiamento e di lavoro di squadra per evitare la pornografia. Anche le donne beneficiano dei gruppi di responsabilizzazione in cui con altre donne si sforzano verso la purezza. All’inizio può essere necessario un coraggio significativo per essere responsabile di altre persone, ma questo è uno dei modi più efficaci per liberarsi dalla pornografia.

Per gli sposi: la Chiesa vi accompagna con amore e tenerezza mentre vi scontrate con questo peccato e con i suoi effetti sulla vostra vita matrimoniale e familiare. (Crea in me un cuore puro).

Una sana intimità

Le mogli potrebbero non rendersi nemmeno conto che, durante i momenti più intimi con il marito, lui può avere a che fare con pensieri e fantasie pornografici. Uno dei nostri consulenti ci aveva raccomandato di tenere accesa una piccola luce o delle candele nella stanza per stabilire un contatto visivo mentre facevamo l’amore. Il nostro consulente ci ha anche incoraggiato a parlare per essere vicini mentre facevamo l’amore. Queste raccomandazioni hanno fatto sì che ci siamo avvicinati e legati in maniera più profonda. Abbiamo anche sviluppato una maggiore intimità emotiva e spirituale nel nostro matrimonio per via delle affermazioni scambiate fra di noi, dell’ascolto reciproco, del pregare insieme e del collegarci emotivamente con l’altro.

Risorse cattoliche positive riguardo alla sessualità e al matrimonio

Diversi anni dopo aver iniziato il cammino verso la guarigione del nostro matrimonio, abbiamo trovato un altro grande aiuto: l’insegnamento di san Giovanni Paolo II sulla Teologia del Corpo (T.d.C.), che presenta in modo convincente il piano di Dio per il sesso e il matrimonio. Invece di una lista di regole e divieti abbiamo imparato da questa risorsa che il sesso nel matrimonio è destinato a essere sacro, santo e che anche rinnova le nostre promesse matrimoniali!

È difficile descrivere quanto questi concetti positivi della T.d.C. hanno cambiato le nostre vite e quanta gioia e vicinanza in più hanno portato nel nostro matrimonio. Il concetto che il sesso è destinato a essere un rinnovarsi dei nostri voti di matrimonio ci ha aiutato a considerare l’intimità sessuale come qualcosa di bello e sacro in esso. Abbiamo iniziato a dire una breve preghiera prima di fare l’amore, ringraziando Dio per il nostro matrimonio e chiedendo il suo aiuto ad amare e rispettare l’altro. Le risorse della T.d.C. hanno aiutato Samuele a capire che il contrario dell’amore è l’uso dell’altra persona. Questo lo ha aiutato a diventare più altruista e rispettoso nel nostro rapporto.

Pregare insieme

Abbiamo scoperto che dire una breve preghiera insieme ogni giorno, chiedendo a Dio di benedire il nostro matrimonio e la famiglia, è molto utile. Recentemente abbiamo iniziato a recitare con i nostri figli, prima di andare a letto, una decina del rosario insieme alle intenzioni di preghiera personali. Cerchiamo di leggere ogni giorno le letture della messa quotidiana insieme ad altre letture spirituali. Abbiamo anche beneficiato dalla confessione frequente, dall’andare a messa come famiglia, dall’adorazione eucaristica, dall’ascoltare la radio cattolica e musica cristiana, dall’avere dei direttori spirituali e dall’ essere in contatto con altri gruppi di uomini e donne cattolici.

Onestà e fiducia

A Samuele, nel suo lavoro di consulente di coppie sposate, molte mogli hanno raccontato quanto le bugie del marito e l’inganno riguardo l’uso della pornografia siano altrettanto dolorosi, se non di più dolorosi, che l’uso della pornografia in sé. Si tratta di questioni delicate, ma l’apertura e l’onestà tra i coniugi è importante per la vera guarigione, soprattutto se vi è stata una dipendenza da pornografia. Può essere molto utile per le coppie ricevere il sostegno di consulenti e sacerdoti per sviluppare l’onestà e la fiducia nel loro matrimonio.

La consulenza e il sostegno per le coppie

Le coppie sposate che sono in via di guarigione dalla pornografia hanno spesso bisogno di consulenza matrimoniale per ricostruire la fiducia e la comunicazione nel loro matrimonio. Per di più, programmi di arricchimento matrimoniale o fine settimana per gli sposi che stanno vivendo una crisi nel matrimonio possono essere di grande aiuto per i coniugi, in modo che possano imparare a fidarsi di nuovo l’un l’altro e crescere in un amore autentico.

Libertà dalla dipendenza pornografica

Ci sono molteplici test on-line in inglese riguardo alla dipendenza dalla pornografia, tra cui il test Sexual Addiction Screening (SAST) e la prova di Internet Sex Screening (ISST). Tre importanti strategie per liberarsi dalla dipendenza da pornografia comprendono la frequentazione dei gruppi dei Dodici Passi, la ricerca di un terapista professionale e ricevere una consulenza matrimoniale. Le persone che raggiungono la sobrietà a lungo termine da porno dipendenza spesso frequentano riunioni settimanali dei Dodici Passi, chiamano il loro sponsor e altri membri del gruppo tutti i giorni e lavorano diligentemente con le risorse di recupero dei Dodici Passi. La consulenza professionale è molto importante per affrontare le ferite profonde della pornografia e per guarire i matrimoni.

Il sostegno per il coniuge

Per coloro che vogliono guarire gli effetti provocati dalla dipendenza da pornografia del coniuge, la consulenza professionale e i gruppi di sostegno per famigliari e per le coppie sono incredibilmente utili. Rivolgersi a un terapeuta comprensivo e di fiducia, con cui parlare apertamente e con chiarezza può offrire sostegno nei momenti difficili.

I gruppi di sostegno sponsale non sono un luogo per lamentarsi del proprio matrimonio, ma un luogo sicuro dove imparare a superare momenti difficili con la grazia, la forza e un sano processo decisionale.

Conclusione

Ci auguriamo che queste risorse siano d’incoraggiamento e speranza per altre coppie come noi che hanno sperimentato gli effetti dannosi della pornografia. Molte coppie cattoliche sono alle prese con la pornografia, preghiamo che arrivino a chiedere aiuto e che un giorno possano condividere le loro storie di speranza e guarigione! Speriamo che questi concetti e risorse permettano alle coppie non solo di sopravvivere nel loro matrimonio ma di vivere un’esperienza di gioia, felicità duratura e vera intimità.

In Cristo, nostra speranza,

Samuele e Elisabetta Meier

 

Gli autori

Sam Meier, professionista terapeuta certificato, lavora per l’iniziativa My House, un gruppo dei Dodici Passi nell’arcidiocesi di Kansas City. Beth Meier, sua sposa, insegna religione cattolica.

 

Copyright © 2016 – Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti, Washington, DC. Tutti i diritti riservati. Traduzione in italiano a cura di PURIdiCUORE, con la revisione ed il consenso di USCCB,
proprietari dei diritti di autore.

Articolo originale: http://www.usccb.org/issues-and-action/human-life-and-dignity/pornography/pornographys-effects-on-marriage-and-hope-for-married-couples.cfm