La purificazione del tempio – scacciare la pornografia dal matrimonio

Questa testimoniananza è stata pubblicata nel numero IV-2018 "Sex and Being Human" - "Sesso ed essere umani" di Humanum Review "Quarterly Review of the John Paul II Institute’s Office of Cultural and Pastoral Formation", la rivistra trimestrale di recensioni del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli studi sul matrimonio e la famiglia, Washington DC, USA.

Traduzione a cura di Giovanni Marcoutullio

The Cleansing of the Temple: Casting Pornography Out of Marriage

Luca and I met in Ireland in the mid-80s. I was studying architecture in Dublin. In those years Ireland was changing in leaps and bounds. The music of that era was groundbreaking. We were listening to the Eurythmics, The Cure, Depeche Mode, and U2. It sounded so fresh, creative and melancholic and offered the perfect background to crazy parties. I loved it. However, the further I moved into this world, the less I was enamored by the endless late nights of loud laughter and drunken confessions. There was so much individual expression and little true comradeship among us. I craved meaningful friendships and a boyfriend capable of loving me and dealing with me fearlessly, warts and all. So, after a series of disappointing relationships, I began praying for a boyfriend who would love God more than me. That way I was less likely to be disappointed in the long run, and the relationship could avoid heading for a crash, like so many others around me.

In my final year at university Luca arrived on the scene. He may have arrived as a response to my prayers, but he didn’t drop down from heaven: he came to Dublin from Lake Como in Italy to study English. Luca was a bit of an infiltrator. He signed up for the university climbing club in order to be in touch with the locals. Luca was invasive too; he would show up uninvited at events, filled with an almighty enthusiasm that contrasted with our “Depeche Mode” attitude.

Then there was this two-day jazz festival which Luca also invited himself along to! During the first evening, we began to dance, and when the music got slow I kissed him. It wasn’t planned, it just happened. After the gig however, instead of driving back with the others, he became pensive and asked me to take a walk with him. That short stretch of road spent talking, sharing, questioning and laughing really sobered me up. Luca wasn’t going to let me get away with using him. I had pulled the trigger of our emotions: we now needed to name them, if we were going to tame them.

Once Luca was back in Italy, we began writing letters daily. What a lovely treat to find him waiting for me at the bottom of the stairs in the post every morning. As we continued to write it became clear that we shared the same vision, hope and belief in eternal love in marriage. When we met again face to face, nine months after our first encounter, in a moment of truth, Luca let me know that he was looking at pornography and that he was struggling to stop. Whilst I felt uncomfortable about it, I figured it was just a passing behavior most young guys struggle with at some stage and, relieved by his honesty and sincerity, in a sort of retribution, I admitted not being exactly immaculate after endless student party life.

Over the next two years we were given the opportunity to share our souls, as they flowed closer together. We would meet up every few months to discern our feelings. Both of us really believed that our bodies were temples of the Holy Spirit and aspired to God’s blessing of marriage before celebrating the sexual act, if and when we would marry. Meanwhile, after Luca’s initial disclosure, pornography seemed just a passing bad habit that he dealt with in the confessional where, without much questioning, the sole suggested remedy was “three Hail Marys and a prayer for purity.” Neither of us, much less the confessors, had any idea how a man’s porn use deeply affects the way he looks at the woman he loves.

We got married in 1991 in Como and were showered with expensive gifts—too many to fit into a very small apartment. Yet the greatest gift, God’s gift of true sexuality, was ripped open like all the others, without any understanding or knowledge of what it really meant. The key to understanding it was there, but we really weren’t interested in reading the instruction manual. We were still blinded by the world’s take on relationships. God is love: but when it comes to sex, the couple is on their own.

 

In less than four years we had three baby boys to contend with. My understanding of my own fertility was a joke. I could hardly keep a shopping list, let alone a monthly record; and for Luca the bedroom was the place to let the lust flow free. In his words: “Years of looking at still and moving images of naked bodies and sexual acts had fueled my expectations of the nuptial bedroom as a free for all. And, in the event, it affected married life when the demands—which now I see unreasonable, unhealthy and against the plan of God for sexuality—were not met. Love and Responsibility was still on the bookshelf, unopened because it was perceived as a burden.” 

Pornography made our intimacy stressful and moody. Having lost control of our family planning situation, we invited a priest friend to dinner, and shared our difficulty with him. He didn’t delve much into the cause of our anxiety but rather quickly suggested we use contraceptives. At first the initial sense of relief and the illusion that we now held the reins of our destiny in our own hands was sweet. But this quickly turned into a terrible emptiness, especially for me.

Despite the disordered intimacy between us, there was a real desire to remain intimate with God in our daily lives. Jesus and Mother Mary were welcome guests in our home. They were an integral part of the conversation with our boys. Simple prayers were a daily melody and going to Mass was an act of love. The boys saw no reason to consider it a bore. It was sincere, pure, explained and understood; and as they grew older they shared their inquisitive and often doubtful souls with us.

The new century came and with it came another son. Our family life was rich, but there was also tension, anger and resentment, for which there was no obvious reason. Yet honesty and sincerity helped Luca to admit that his struggle was still on-going. At this point I am turning the story over to him.

 

After trying in many ways to understand why I was unable to stop, in 2011 I came across an article on Humanae vitae by Stratford Caldecott, whom we had met in the UK before we were married. I was struck by his words “contraception is a way of trying … to push God out of the bed.” Hearing someone I had known personally talk about spousal love in a way that I had read about in books but not perceived to be possible in the flesh, reawakened in my heart the desire for a deeper Love. I had experienced that longing during engagement, but it had never become a reality in our marriage where “everything was all right” on the outside. So, instead of changing confessors constantly, to avoid shame, I started going to the same priest. He however did not realize that advice like “find in your spouse what you seek in pornography” was poison for a porn-addict.

 

I also asked Michelle to help me, by checking up on me whilst I was away on business. Then, after about a year, seeing no progress, I started to see a therapist. With him I finally realized that years of porn usage had turned something that was a weakness and a sin into an outright addiction. Therapy did help. I learned about the nature of addiction and how to regain sobriety. I learned how to apply strategies to avoid triggers. But the power of lust had crept into my head, and white-knuckling sobriety did not last. Soon enough I was on worse websites than ever, the urge to act out was tearing me apart, and my life was becoming unmanageable. In confession I would receive the same recommendations I had received in my twenties and which still failed to be helpful. By late spring 2014 I felt hopeless. Lust was the merchant I had allowed into the temple of our marriage; and it would not leave until I was deeply purified.

 

On a July weekend of that year, while I was in Istanbul for two weeks on business, Michelle visited me and a series of unplanned events took us to a retreat of a small Catholic community. We were fascinated by how they prayed and sang with their hands lifted up, no matter how different it was from our more Benedictine style. The teaching about Nicodemus and being “born from above”—plain language, deep content—held our attention. We both ended up casually queuing up with others to receive ‘healing prayer’ in front of the Blessed Sacrament. Monday morning, waking up beside Michelle, a thought flashed through my head: “Behold I make all things new!” Michelle left to go back to Italy and I started my second week. On the last day of my stay I decided to go to confession. It was a beautiful sunny morning.

 

I walked to the nearest Church and entered the confessional. Who should be there but the very priest who had imparted to us the blessing at the retreat! He started with a warm prayer, expressing gratitude to Jesus for all He had done in my life. I had never heard a priest open confession in that way. After that, words came easily to me. I went through all the main aspects of my life; then I explained that since adolescence I had been unable to deliver myself of pornography and masturbation, and that I had started praying to St Michael. Upon saying the words “St Michael” I started to cry like a fountain welling up from my guts more than from my eyes. Nothing like this had ever happened to me before. The priest reminded me of the first reading at Mass the previous day,[1] the healing of Hezekiah when the Lord turned back time; my time could turn back to purityI felt happier than I had been in a long time. Walking back to the hotel—as if to confirm what had just happened—a summer storm literally washed me clean.

This is what happened in July 2014 to Luca. Back then we did not know we were about to discover what God’s plan in marriage really is: that what the world has to offer is just a shadow in comparison to what God has in mind for a married couple. Seeing Luca so happy upon his return made me realize just how much he had been suffering. It was like watching a baby lamb skipping across fields after having spent its life in a stable. His gratitude was abounding, his happiness uncontainable and our marriage found a new beginning. We decided to open the instruction manual that we had not bothered with on that first day of marriage.

In the following months and well into 2015 we sought to understand more and more the outpouring of grace, taking part in the “New Life in the Spirit” seminar, receiving the Baptism of the Holy Spirit, as the Church calls it. It meant kneeling in prayer, getting to know Saint John Paul II’s Theology of the Body, participating in healing seminars for couples. Love and Responsibility became engrained in the texture of our lives. Genuine intimacy was suddenly everywhere: in our words, our gaze, our listening and our waiting for the other. It wasn’t just physical and emotional: it was spiritual too.

Many years ago, when the boys were learning how to ski, I wondered what I would do in the meantime. Somebody suggested I should make sandwiches and wait for them at the bottom of the slopes. I decided that wasn’t my style, so I learned to ski too. What I didn’t imagine was that by learning to ski I would get to see the mountain tops in all their glory. From the height of 3000 meters I could see of the whole of creation. Now in moments of intimacy, Luca and I experience the glory of God from the mountain top, together. After years of going through the motions we began to make love fully. The first time our bodies and souls connected I cried in gratitude, just as Luca had cried at his healing confession. In that moment Luca was completely my husband and I was completely his wife. We were reading the manual and cleansing the Temple of our Marriage.

[1] Is 38: 1-8;21‒22.

Michelle Curran and Luca Marelli are parents to four young men and co-founders of PURIdiCUORE (PUREatHEART). They live in Como, Italy. PURIdiCUORE promotes integrity in relationships by promoting positive chastity, the foundation upon which one can build long-term happiness. Concretely, PURIdiCUORE raises awareness about the hidden drama of pornography; helps those who have fallen into sexual addiction to find freedom and healing through counseling, support groups and spiritual renewal; and explains and teaches how to be free of pornography with the help of software tools, media campaigns, and changes to European and international laws.

 

La purificazione del Tempio: cacciare la pornografia fuori dal matrimonio

Luca e io ci siamo conosciuti in Irlanda a metà degli anni Ottanta. Io studiavo architettura a Dublino. In quegli anni l’Irlanda cambiava con balzi da gigante. All’epoca la musica era ricca di avanguardie: ascoltavamo gli Eurythmics, The Cure, i Depeche Mode e gli U2. Era tutto un sound così fresco, creativo e malinconico… e offriva la colonna sonora perfetta di folli nottate di festa. Che incanto! Eppure… quanto più mi addentravo in quel mondo, tanto meno ero affascinata dall’interminabile «religione del tirare tardi e aspettare mattino», fra risate incontrollate e confessioni avvinazzate. C’era tanta e tanta espressività individuale e poca vera amicizia fra noi. Io bramavo amicizie piene di senso e un uomo capace di amarmi e di impegnarsi impavidamente con me, nel bene e nel male. E così, dopo una serie di relazioni deludenti, cominciai a pregare per un uomo che amasse Dio più di me. Così avrei avuto meno probabilità di restare delusa, nel lungo periodo, e la relazione avrebbe evitato di andare a schiantarsi come tante altre che vedevo attorno a me.

Nel mio ultimo anno all’università, sulla scena comparve Luca. Può darsi che sia arrivato come una risposta alle mie preghiere, ma non è sceso dal cielo: è venuto a Dublino dal Lago di Como, in Italia, per studiare inglese. Luca era uno di quelli che si infiltravano: s’iscrisse ad un club sociale della mia università per avere opportunità di conoscere gli irlandesi  del posto e parlare inglese. Era pure invadente, Luca; si presentava alle feste senza invito, pieno di un esuberante entusiasmo che contrastava con il nostro “stile Depeche Mode”.

Poi ci fu quella due giorni di Jazz Festival – e anche quella volta Luca si auto-invitò. Durante la prima sera, cominciammo a ballare e quando la musica rallentò io lo baciai. Non lo avevo premeditato, è successo e basta. Alla fine di quella serata, però, invece di andarsene via con gli altri si fece pensieroso e mi chiese di fare una passeggiata con lui. Quel breve tratto di strada trascorso a parlare, scambiarci opinioni e domande, ridere… mi fece davvero passare la sbornia. Luca non mi avrebbe lasciata andar via dopo averlo usato: avevo premuto il grilletto delle nostre emozioni; ora dovevamo dar loro un nome, se volevamo sperare di domarle.

Una volta che Luca fu tornato in Italia, prendemmo a scriverci lettere ogni giorno. Che dolce rituale era per me trovarlo ad aspettarmi ogni mattina della cassetta delle lettere in fondo alle scale! Mano a mano che proseguivamo a scriverci diventava chiaro che condividevamo la medesima visione, che era pure speranza e credenza, nell'amore eterno all'interno del matrimonio. Quando ci rivedemmo faccia a faccia, nove mesi dopo il nostro primo incontro, in un momento di verità, Luca mi comunicò che guardava pornografia e che stava lottando per darci un taglio. Sebbene la cosa in sé non mi mettesse a mio agio, mi dissi che era solo un'abitudine passeggera con la quale parecchi ragazzi prima o poi si trovano a combattere e, incoraggiata dalla sua onestà e sincerità, ammisi – quasi a voler ricambiare – di non essere esattamente immacolata dopo quella diuturna frequentazione di feste studentesche.

Per i due anni successivi ci siamo dati modo di comunicarci le nostre anime, poiché scorrevano l'una accanto all'altra. Abbiamo deciso di incontrarci ogni pochi mesi per discernere i nostri sentimenti. Tutti e due credevamo fermamente che i nostri corpi erano tempio dello Spirito Santo e aspiravamo alla benedizione di Dio nel matrimonio prima di celebrare l'atto sessuale, se e quando ci fossimo sposati. Nel frattempo, dopo l'iniziale apertura di Luca, la pornografia sembrava solo una brutta abitudine che se ne sarebbe andata con il tempo e  con cui fare i conti nel confessionale, dove – senza entrare troppo nel merito – il solo rimedio suggerito era “tre Avemaria e una preghiera per la purezza”. Nessuno di noi – ancora meno del confessore – aveva un'idea di quanto profondamente il consumo di porno affetti nell'uomo il modo in cui quello guarda alla donna che ama.

Ci sposammo a Como nel 1991 e fummo inondati di costosi regali – troppi per stare in un appartamento decisamente piccolo. E a quel punto il regalo più grande – il dono di Dio di una sessualità autentica – fu scartato e usato come tutti gli altri, senza una comprensione o una conoscenza di cosa realmente significasse. La chiave per comprenderlo era lì, ma in fondo noi non eravamo interessati a leggere il manuale delle istruzioni. Eravamo ancora accecati dalla vulgata mondana sulle relazioni di coppia: Dio è amore, ma quando si arriva al sesso la coppia se ne sta per i fatti suoi.

In meno di quattro anni abbiamo avuto tre figli da crescere. La mia comprensione della mia propria fertilità era una barzelletta: facevo già fatica a compilare una lista della spesa, figuriamoci una tabella mensile; e per Luca la camera da letto era il luogo in cui lasciare libero corso alla lussuria. O come dice lui:avere guardato per anni a immagini, foto e video, di corpi nudi e di atti sessuali, avevano alimentato la mia aspettativa del matrimonio come terreno di “lussuria libera” con l’effetto immediato di una distorsione della vita matrimoniale quando le mie richieste – che ora considero irragionevoli, insane e contrarie al progetto di Dio per la sessualità – non venivano prontamente soddisfatte. Amore e Responsabilità era nella libreria di casa, mai sfogliato perché lo consideravo un fardello troppo pesante da affrontare” 

La pornografia rese la nostra intimità stressante e volubile. Avendo perso il controllo della nostra situazione di pianificazione famigliare, invitammo a cena un amico prete e condividemmo con lui la nostra difficoltà. Senza stare ad approfondire granché la causa della nostra ansietà, il sacerdote ci suggerì seccamente di usare contraccettivi. Dapprima l'iniziale senso di sollievo e l'illusione che a quel punto avremmo avuto in pugno le redini del nostro destino era dolce. Ma tutto questo s'è rapidamente rovesciato in una terribile vacuità, specialmente per me.

Malgrado l'intimità disordinata fra di noi permaneva un reale desiderio di restare intimi con Dio nelle nostre vite di tutti i giorni. Gesù e la Madre Maria erano ospiti graditi a casa nostra. Erano parte integrante della conversazione coi nostri figli. Semplici preghiere erano melodia quotidiana e andare a messa era un atto d'amore. I ragazzi non ci trovavano una ragione per trovarla noiosa. Era una cosa sincera, pura, spiegata e capita; e mano a mano che crescevano ci esponevano le domande e spesso i dubbi delle loro anime.

Giunse il nuovo secolo, e con esso un altro figlio. La nostra vita di famiglia era ricca, ma c'erano anche tensione, rabbia e risentimento – per le quali non c'era ragione apparente. E sì, l'onestà e la sincerità aiutarono Luca ad ammettere che la sua lotta era tuttora in corso. A questo punto lascio che prosegua egli stesso il racconto:

Dopo avere cercato in molti modi di capire perché non riuscivo a darci un taglio e a smettere di fare ricorso alla pornografia specialmente quando viaggiavo per lavoro, nel 2011 mi accade di leggere la trascrizione di una conferenza sulla conferenza sulla Humanae Vitae di Stratford Caldecott, che avevamo conosciuto in Gran Bretagna prima di sposarci. Mi colpirono le parole “usare la contraccezione è come […] cercare di buttare fuori Dio dal letto coniugale” e in generale sentir parlare dell’amore sponsale una persona che avevo conosciuto e stimavo, in un modo che avevo letto sui libri, ma mai percepito come reale e possibile nella carne, risvegliò in me il desiderio di un Amore più profondo. Avevo fatto esperienza di quel desiderio durante il fidanzamento, ma non si era mai tradotto in  realtà carnale nel nostro matrimonio, che era all’insegna del “va tutto bene”, quando lo si guardava dal di fuori. Allora, invece di “fare il giro dei confessori delle vicinanze” come avevo fatto fino a quel momento per tenere a bada la vergogna, iniziai a cercare aiuto accostandomi al sacramento della riconciliazione dallo stesso sacerdote. Tuttavia egli non capiva che consigli come “trova nella tua sposa ciò che cerchi nella pornografia” erano veleno per un pornodipendente.

Chiesi anche a Michelle di aiutarmi, chiedendomi conto  del mio comportamento quando ero via da casa per lavoro. Dopo circa un anno, non vedendo progressi, iniziai un percorso di psicoterapia grazie al quale compresi finalmente che anni di utilizzo della pornografia, avevano trasformato una debolezza e un peccato in una vera e propria dipendenza. La terapia mi aiutò a capire la natura del problema, le sue probabili cause e come arrivare alla sobrietà. Capii come applicare strategie per evitare gli stimoli che portano alla caduta. Ma la lussuria, nemico astuto  e potente, si era insediata nella mia mente e quella sobrietà “a denti stretti” non durò a lungo. Dopo pochi mesi mi trovai a guardare sul web immagini peggiori che mai, il bisogno di agire sessualmente mi dilaniava dentro e la mia vita divenne quasi ingestibile. In confessione ricevevo gli stessi consigli che ricevevo quando avevo vent'anni o poco più e che ora davano ancora meno giovamento. Giunto alla fine della primavera 2014 mi sentivo disperato. La lussuria era il mercante che avevo lasciato entrare nel tempio del nostro matrimonio, e non ci avrebbe lasciato finché io non fossi stato purificato in profondità.

Un fine settimana del luglio di quell'anno ero Istanbul per lavoro per due settimane, Michelle venne a trovarmi alla fine della prima settimana e una serie di coincidenze ci portò a partecipare a un ritiro di una piccola comunità Cattolica. Fummo affascinati da quel modo di pregare con le mani alzate al cielo, molto diverso dallo stile benedettino a cui noi eravamo soliti. L’insegnamento e le riflessioni sul dialogo tra Gesù e Nicodemo, con l’esortazione a “rinascere dall’alto”, il linguaggio piano, ricco di immagini e dai profondi contenuti e altri fattori tennero desta la nostra attenzione. Finimmo per unirci ai partecipanti al seminario nel ricevere la preghiera di guarigione e di effusione dello Spirito Santo di fronte all’Eucarestia. Lunedì mattina risvegliandomi in albergo accanto a Michelle un pensiero mi attraversò la mente “Ecco io faccio nuove tutte le cose!”. Dopo qualche giorno maturò in cuore il desiderio di andare a confessarmi e  l’ultimo giorno del mio soggiorno in Turchia mi decisi a farlo. Il sole splendeva quel sabato, erano circa le nove della mattina.

Mi incamminai alla chiesa più vicina ed entrando trovai proprio il sacerdote che aveva pregato su di me al ritiro! Iniziò la confessione lodando e ringraziando per tutto ciò che Gesù aveva operato nella mia vita. Non avevo mai sentito un sacerdote aprire la confessione in un modo così insolito. Le mie parole fluirono poi facilmente, toccando aspetti essenziali della mia vita, fino a toccarne uno particolare, spiegando come ci fosse una cosa che mi trascinavo dall'adolescenza, il ricorso alla pornografia e alla masturbazione senza riuscire a liberarmene e come da alcune settimane avessi iniziato a pregare San Michele. Alle parole “San Michele” iniziai a piangere, come se un torrente sgorgasse dalle mie viscere piuttosto che dagli occhi, come mai mi era accaduto nel passato. Il sacerdote mi ricordò la prima lettura della messa della sera precedente, a cui avevo partecipato,[1] la guarigione di Ezechia, quando il Signore aveva fatto tornare indietro il tempo – così il Signore poteva riportare me al tempo della purezza. Una strana felicità aveva invaso la mia anima e la mia mente. Tornando in albergo – come a conferma di ciò che era accaduto – un improvviso temporale estivo mi lavò dal capo ai piedi.

Questo è quel che nel luglio 2014 accadde a Luca. All'epoca non sapevamo che stavamo per scoprire qual è il vero piano di Dio nel matrimonio e che quanto il mondo ha da offrire è solo un'ombra di fronte a ciò che Dio tiene in serbo per una coppia sposata. Vedere Luca così felice per il suo ritorno mi ha fatto capire intimamente quanto aveva sofferto. Era come vedere un agnellino saltellare nei campi dopo aver passato la vita fino a quel momento in una stalla. La sua gratitudine era straripante, la sua felicità incontenibile e il nostro matrimonio conobbe un nuovo inizio. Decidemmo di aprire il manuale delle istruzioni che non ci eravamo dati la pena di sfogliare in quel primo giorno di matrimonio.

Nei giorni seguenti, e poi fino al 2015, cercammo di capire sempre di più la sovrabbondanza della grazia prendendo parte al ”Seminario di vita nuova” di una comunità Carismatica Cattolica e accogliendo il dono del Battesimo nello Spirito Santo – come lo chiama la Chiesa. Questo comportò piegare le ginocchia in preghiera, giungere a conoscere la Teologia del corpo di san Giovanni Paolo II, partecipare a seminari di perdono guarigione personalmente e come coppia. Amore e responsabilità vennero integrati nella trama delle nostre vite. Una genuina intimità si diffuse all'improvviso ovunque: nelle parole, negli sguardi, nell'ascoltare e nel reciproco attendersi. Non era solo una cosa fisica ed emotiva: era anche spirituale.

Diversi anni fa, mentre i ragazzi prendevano lezioni di sci, mi chiedevo cosa avrei potuto fare io nel frattempo. Qualcuno disse che avrei dovuto preparare i panini e aspettarli in fondo alle piste, ma decisi che non era quello il mio stile, e così imparai a sciare anche io. Quel che non immaginavo è che imparando a sciare avrei visto le cime delle montagne in tutta la loro gloria. Dall'altezza di tremila metri potevo abbracciare con la vista l'intera creazione. Adesso nei momenti di intimità Luca e io facciamo esperienza della gloria di Dio dalla cima della montagna, insieme. Dopo anni di automatismi e sotterfugi, cominciavamo a fare l'amore in pienezza. La prima volta che i nostri corpi e le nostre anime riuscirono a connettersi piansi di gratitudine, proprio come Luca pianse di gratitudine in occasione della sua confessione guaritrice. In quel momento, Luca era completamente mio marito e io ero completamente sua moglie. Stavamo leggendo il manuale e purificando il Tempio del nostro Matrimonio.

[1] Is 38: 1-8;21‒22.

Michelle Curran e Luca Marelli sono genitori di quattro giovani  uomini e co-fondatori di PURIdiCUORE. Vivono a Como. PURIdiCUORE promuove l'integrità nelle relazioni promuovendo una castità positiva, cioè la virtù sulla quale si può costruire una felicità duratura. Concretamente, PURIdiCUORE desta l'attenzione sul dramma nascosto della pornografia; aiuta quanti sono scivolati nella sessodipendenza a trovare la libertà e la guarigione mediante counseling, gruppi d'aiuto e rinnovamento spirituale; inoltre spiega e insegna come liberarsi dalla pornografia